Nella mini cucina anche poche decine di centimetri ti fanno la differenza.

Soluzione per la progettazione delle cucine più piccole: Kitchenaid e la lavastoviglie da lavandino in-sink.

A noi architetti spesso capita di imbatterci in componenti tecnici originali che a primo impatto ci sembrano stravaganti, forzature formali, estetiche o semplicemente commerciali dettate solo dall’esigenza di novità di apparire che spesso vengono prodotti per accattivarsi l’attenzione del pubblico. Non vi nascondo che quando qualche tempo fa mi imbattei nel brevetto della lavastoviglie da lavandino, ebbi una sensazione negativa, ma oggi che casualmente lo ritrovo nelle pagine del catalogo di questo storico produttore di utensili e macchine da cucina mi trovo a rivalutarlo. Non certo per l’efficacia del lavaggio o la capienza dei coperti lavati, ma per l’opportunità che da a noi progettisti di avere una lavastoviglie quando lo spazio sotto piano ci impedisce l’incasso standard di un elettrodomestico da 45 o da 60. Questa soluzione consente la sovrapponibilità delle funzioni del sottolavello e dell’elettrodomestico del lavaggio automatico.

Le funzioni del sottolavello sono evidenti, contenimento degli attacchi e scarichi del lavandino, vano umido per la raccolta differenziata dei rifiuti, spazio per lo stoccaggio di bottiglie ecc., di solito in una cucina questo spazio dipende dal numero dei pozzi con cui dotare il lavandino: un pozzo necessita di un sottolavello da 45 a 60, 1 pozzo e mezzo di un sottolavello minimo di 60 e, i due pozzi di un sottolavello da 80 in poi. Per inserire una macchina da lavaggio automatico dovremmo per avere i 2 pozzi ingombrare un minimo di 80 cm oltre a un minimo di 45 per una lavastoviglie da 5-6 coperti per un totale di minimo 125 cm (l’equivalente circa di una soluzione che prevedesse un lavello e una lavastoviglie standard da 60). Per la soluzione con un lavello e una lavastoviglie da 5 coperti (45cm) dovremmo avere uno spazio minimo di 90 cm.

L’impiego del lavandino in-sink consente evidentemente due pozzi e la lavastoviglie da 5 coperti in un ingombro massimo di 90 cm con i restanti 35 per esempio si può inserire una cassettiera un estraibile o due cesti per le pentole ecc. il kitchenaid può trasformarsi in piano d’appoggio in secondo lavabo o in lavastoviglie, sembra poco ma per una piccolissima cucina poche decine di centimetri possono fare la differenza un saluto e alla prossima.
Marco Repetto

Commenta